Tag: centrosinistra

L’eterna (dis)illusione della sinistra italiana

L’eterna (dis)illusione della sinistra italiana

Attualità
Che la storia del centrosinistra  non sia costellata di grandi successi è indubbio, ma quando l’unica vittoria in un magro palmarès si chiama “primarie” (con le dovute riserve), allora c’è qualcosa che non va. Tutte le analisi degli ultimi tempi si sono incentrate sul cosiddetto fenomeno Grillo. In realtà, dovrebbe essere indagato con il medesimo interesse un altro fenomeno, piuttosto paranormale: il fenomeno Pd. Diciamolo chiaramente, il centrosinistra si è suicidato per l’ennesima volta. Supponente, dopo il bagno di folla delle primarie credeva di avere la vittoria in pugno e ha smesso di correre, ammesso che prima corresse. Inspiegabilmente, ha nuovamente permesso che l’agenda della campagna elettorale fosse eterodiretta, dettata dai suoi due più agguerriti competitori, Grillo e Berlus
Quo Vadis, Italia?

Quo Vadis, Italia?

Attualità
Tra (ri)discese ardite e (ri)salite in campo, l’offerta politica per le prossime elezioni vorrebbe mettere definitivamente in discussione l’illusionismo bipolarista che, in questi ultimi vent’anni, molti hanno visto, spacciato e creduto come definitivamente acquisito. La provvisorietà del sistema italiano, reso forzatamente maggioritario da improbabili formule e alchimie elettorali, si è dimostrata tale in tutte le recenti esperienze di governo. Nel nostro panorama politico hanno continuato a (soprav)vivere e proliferare le divisioni, la difesa delle singole corporazioni a danno dell’interesse comune e della stabilità che, come appare oramai acclarato ed evidente, se non accompagnata dalla solidità d’un assetto autenticamente e convintamente maggioritario, non può discendere da nessun si
Quel che manca ai riformisti: una forza della democrazia liberale e socialista

Quel che manca ai riformisti: una forza della democrazia liberale e socialista

Dibattito
Receviamo e pubblichiamo l' articolo del prof. Massimo Teodori pubblicato da “Il Riformista” l’8 giugno 2011, con il titolo “Proposta riformista: Leader, coalizione, programma”. Lo diciamo ormai in molti, anche se con accenti diversi: quel che occorre per un’alternativa credibile al berlusconismo morente è una proposta riformista composta da un leader che sia effettivamente tale, una coalizione che regga alle contraddizioni interne, e un coraggioso programma che attinga a quel che è spendibile nel Duemila della tradizione innovatrice liberale e socialista. L’impresa non è facile, anche se le elezioni amministrative hanno dato nuovo slancio alle speranze riformiste. Roberto D’Alimonte, che rifugge dalle analisi taroccate, segnala nel “Sole-24Ore” del 5 giugno che il centrosinistra è stato