Tag: democrazia

L’Italicum tra governabilità e democrazia

L’Italicum tra governabilità e democrazia

Attualità
Il dibattito relativo alla governabilità, o meglio quello sulla sua assenza, domina incessantemente da decenni sui media e nell’opinione pubblica nostrana. Essa è assunta come il valore supremo da dover perseguire in una moderna e matura democrazia rappresentativa. Pur essendo un principio assolutamente fondamentale, è opportuno tuttavia intavolare alcune riflessioni inerenti proprio questa supposta maturità, considerazioni peraltro strettamente legate alla peculiare struttura socio-culturale della nostra nazione. Ora, la governabilità è certamente assicurata nel migliore dei modi da un sistema elettorale maggioritario, il quale tende per sua stessa natura a semplificare enormemente il quadro politico, lasciando a contendersi la vittoria pochi attori principali ed esautorando i partiti mi
Quo Vadis, Italia?

Quo Vadis, Italia?

Attualità
Tra (ri)discese ardite e (ri)salite in campo, l’offerta politica per le prossime elezioni vorrebbe mettere definitivamente in discussione l’illusionismo bipolarista che, in questi ultimi vent’anni, molti hanno visto, spacciato e creduto come definitivamente acquisito. La provvisorietà del sistema italiano, reso forzatamente maggioritario da improbabili formule e alchimie elettorali, si è dimostrata tale in tutte le recenti esperienze di governo. Nel nostro panorama politico hanno continuato a (soprav)vivere e proliferare le divisioni, la difesa delle singole corporazioni a danno dell’interesse comune e della stabilità che, come appare oramai acclarato ed evidente, se non accompagnata dalla solidità d’un assetto autenticamente e convintamente maggioritario, non può discendere da nessun si
La democrazia  fra populismo e tecnocrazia *

La democrazia fra populismo e tecnocrazia *

Sociologia
Siamo, naturalmente, portati a considerare il regime politico nel quale viviamo come qualcosa di garantito, di immutabile, di irreversibile. Ma le cose non stanno così. Basti pensare ai numerosi regimi politici che sono crollati ed a quelli che si sono formati durante il secolo scorso. La dissoluzione di monarchie secolari, l’avvento dei totalitarismi nazicomunisti. Ed ancora l’ Europa divisa in due dal “Muro”: ad oriente le democrazie socialiste, a occidente le democrazie liberali. Ed infine, grazie a quella che Jϋrgen Habermas ha chiamato la <<rivoluzione recuperante>>, abbiamo assistito al crollo del Muro ed alla rinascita pacifica delle democrazie liberali là dove erano state cancellate. Non dobbiamo mai dimenticare che la democrazia liberale, fra tutti i regimi politici,
Passa dalla democrazia la politica del domani

Passa dalla democrazia la politica del domani

Dibattito
“Ardua cosa è fare oggi un programma elettorale di fronte al disagio economico che pesa duramente sulle classi lavoratrici e di fronte alla crisi europea, che fa passare in seconda linea ogni altro problema anche importante di politica interna” (A. De Viti De Marco, discorso tenuto in Gallipoli il 14 marzo 1914). Già, come non dare ragione al marchese che conobbe persino la Grande Crisi del ’29! Noi aggiungiamo al disagio economico anche quello sociale e morale in cui è caduta l’odierna società capitalistica e consumistica, prigioniera di una politica troppo attenta alla prossima campagna elettorale. Quando mancano risorse fresche da destinare ai malati di Sla, alle famiglie, al lavoro e a chi lo ha perduto, nonostante la lotta serrata contro l’evasione fiscale, si sprecano fondi pubblici
Tra antipolitica e antiparlamentarismo: il rischio della messa in mora della democrazia.

Tra antipolitica e antiparlamentarismo: il rischio della messa in mora della democrazia.

Dibattito
L’attuale ondata di antipolitica spesso si esprime in contestazione indistinta e indistinguibile che accomuna diversi personaggi tutti protesi all’inseguimento d’un consenso nell’area del dissenso o interessati a captare l’elettorato in libera uscita. Naturalmente la portata della crisi economica che, per incapacità politica, si accresce sempre di più e aumenta le disparità, favorisce questo clima sempre più avvelenato e il divario tra la rappresentanza e i (non più) rappresentati. Con l’aggravarsi delle tensioni politiche, che tracimano in ambito sociale, l’antipolitica sta assumendo, in molte occasioni, la veste dell’antiparlamentarismo. Un connotato che in Italia non è certo una novità. Ecco qual è l’aspetto terrifico di quel che sta maturando. Ci troviamo davanti ad una situazione
Il vento che attraversa il Mediterraneo

Il vento che attraversa il Mediterraneo

Attualità
L’ Africa settentrionale è, da qualche mese, teatro di scontri e lotte per le sommosse popolari che da Tripoli al Cairo tentano di abbattere i rispettivi regimi autocratici. Regimi, che pur nelle diverse specificità, sembrano ormai essere giunti alla fine. La lotta per la democrazia sembra essersi riaccesa, in quei luoghi, dove le rivolte nazionali per l’indipendenza contro il colonialismo europeo avevano portato solo ad altri, e per certi aspetti peggiori, regimi dispotici. Il vento della rivolta è cominciato in Tunisia, nel mese di dicembre, dove un gruppo di studenti, utilizzando il web, strumento che sembra aver un ruolo centrale nell’organizzazione di queste nuove forme di protesta, si sono riuniti e hanno cominciato a manifestare contro il regime di Ben Alì. La protesta ha condotto
Giovanni Sartori e Luciano Canfora: due visioni della democrazia

Giovanni Sartori e Luciano Canfora: due visioni della democrazia

Dibattito
Recentemente hanno provato a dare una risposta a questa domanda Giovanni Sartori con Democrazia. Cosa è, (Rizzoli, Milano 2007) e Luciano Canfora con La democrazia. Storia di un’ideologia, (Roma-Bari, 2006).  Ad illustrarci le loro divergenti tesi è il prof. Gaetano Pecora. Infatti per gentile concessione dell’autore, riceviamo e pubblichiamo il seguente articolo apparso su Mondoperaio ( nel numero di marzo-aprile, Roma, 2008) “Di democrazia mi sono occupato da sempre”. Così, con una battuta riassuntiva, dice di sé Giovanni Sartori. Ed è vero. Ma proprio perché è vero, questa Democrazia. Cosa è pubblicata nel  2007 fa qualcosa di più che aggiornare la versione del 1993; certo, molte analisi e molti concetti rispondono alle sollecitazioni dei tempi nuovi (imprescindibili, ad esempio, le pa
Norberto Bobbio: il centenario

Norberto Bobbio: il centenario

Autori
Per ricordare il centenario della nascita di Norberto Bobbio (Torino, 1909 – 2004) sono in svolgimento una serie di iniziative in tutto il paese. Si segnala l’ allestimento del sito “centenariobobbio.it“ e la recente commemorazione organizzata a Torino il 23 giugno , dal Centro di Documentazione, Ricerca e Studi sulla Cultura Laica “Piero Calamandrei”, in collaborazione con il Comitato Nazionale per il Centenario della nascita di Norberto Bobbio. Durante la manifestazione il professore Gaetano Pecora ha tenuto una lezione su "Tolleranza e laicità nel pensiero di Norberto Bobbio”. La lezione è stata preceduta da una introduzione del professore Michelangelo Bovero docente di Filosofia Politica alla Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Torino.Per onorare la memoria del pensatore To