Tag: roma

No alle olimpiadi di Roma / Un pessimo affare e un progetto scriteriato

No alle olimpiadi di Roma / Un pessimo affare e un progetto scriteriato

Attualità
(Uscirà sul prossimo numero de “L’Espresso”, ora online) Tralasciamo gli altisonanti appelli dei grandi sportivi e dei personaggi pubblici mobilitati per l’occasione, e guardiamo in faccia alla realtà delle Olimpiadi richieste per Roma 2020 che sarebbero un pessimo affare per lo Stato e un bidone per i romani. Si tratta infatti di un investimento scriteriato a fronte dei sacrifici chiesti al Paese. Londra, che ha investito oltre 30 miliardi di euro per le attuali olimpiadi, si è amaramente pentita; ed i giochi di Atene 2004 sono stati all’origine della crisi della Grecia d’oggi. Per la capitale, il rapporto tra costi e benefici dell’operazione olimpica sarebbe disastroso: lo Stato pagherebbe quel che l’Italia non può permettersi, mentre risulterebbero del tutto aleatori i vantaggi per la
Vaticano – il Santo Privilegio/Ricchezza e avidità della Chiesa di Roma

Vaticano – il Santo Privilegio/Ricchezza e avidità della Chiesa di Roma

Dibattito
Riceviamo e pubblichiamo l' articolo del prof. Massimo Teodori, pubblicato dal “L’Espresso”, 21 dicembre 2011   Le ingenti somme che la Chiesa cattolica nelle sue molteplici articolazioni sottrae allo Stato italiano per evasione o per distorta interpretazione delle norme ICI e IRES non sono solo una questione contabile. Al momento non sappiamo quali delle oltre 100 mila strutture ecclesiastiche e paraecclesiastiche abbiano effettivamente diritto all’esenzione dalle tasse, e quante invece approfittano dell’ambiguità delle norme attraverso lo schermo delle cosiddette “opere di religione”. Ma, molto più grave dell’aspetto contabile, è l’inquinamento che l’avidità della Chiesa di Roma, in particolare dei suoi vertici ecclesiastici e vaticani, producono sulle regole del vivere civile del
Il relativismo laico di Ernesto Rossi

Il relativismo laico di Ernesto Rossi

Autori
Volentieri riceviamo e pubblichiamo   l’ intervento tenuto dal prof. Gaetano Pecora in occasione della presentazione del volume AA.VV.“Ernesto Rossi. Un democratico europeo” (Rubbettino editore, 2009), che si è svolto a Roma alla Casa della Resistenza e della  Memoria l’ 11 dicembre 2009. Questo volume, così amorevolmente curato da Antonella Braga e Simonetta Michelotti (1), si segnala per molte virtù: ma una in particolare spicca sulle altre. Ed è che grazie al contributo di numerosi studiosi, il lettore può rimontare la corrente ed attingere alle sorgenti, alle fonti prime che ispiravano  l’azione di Ernesto Rossi, specie quando egli tirava per il bavero le barbe più venerande, denunciandone le malefatte e sbugiardandone le falsità. Capiremmo poco i sarcasmi de “Il Malgoverno”, compre
Il Socialismo etico di Francesco Saverio Merlino

Il Socialismo etico di Francesco Saverio Merlino

Autori
Per gentile concessione dell’autore e della redazione Archivio Storico del Sannio , riceviamo e pubblichiamo volentieri di seguito il saggio del prof. Ludovico Martello Il socialismo etico di Francesco Saverio Merlino ( tratto da Archivio Storico del Sannio anno XII n°1  nuova serie gennaio - giugno 2008 ESI Napoli). Chi era Francesco Saverio Merlino ? << Conservo viva nel mio animo – scriveva Francesco Saverio Merlino intorno al 1930, anno della sua scomparsa –  la fiamma che riscaldò e illuminò la mia giovinezza: mi sento a un dì presso ciò che fui, un amante della giustizia e della libertà >>. E nella stessa pagina –  con il tono accorato di chi avverte di essere giunto al compimento del proprio pellegrinaggio esistenziale e sente la necessità di lasciare in eredità ai pos
Giovanni Sartori e Luciano Canfora: due visioni della democrazia

Giovanni Sartori e Luciano Canfora: due visioni della democrazia

Dibattito
Recentemente hanno provato a dare una risposta a questa domanda Giovanni Sartori con Democrazia. Cosa è, (Rizzoli, Milano 2007) e Luciano Canfora con La democrazia. Storia di un’ideologia, (Roma-Bari, 2006).  Ad illustrarci le loro divergenti tesi è il prof. Gaetano Pecora. Infatti per gentile concessione dell’autore, riceviamo e pubblichiamo il seguente articolo apparso su Mondoperaio ( nel numero di marzo-aprile, Roma, 2008) “Di democrazia mi sono occupato da sempre”. Così, con una battuta riassuntiva, dice di sé Giovanni Sartori. Ed è vero. Ma proprio perché è vero, questa Democrazia. Cosa è pubblicata nel  2007 fa qualcosa di più che aggiornare la versione del 1993; certo, molte analisi e molti concetti rispondono alle sollecitazioni dei tempi nuovi (imprescindibili, ad esempio, le pa