Tag: silvio berlusconi

Sinistra sulla carta altro nei fatti

Sinistra sulla carta altro nei fatti

Attualità
E’ difficile catalogare Renzi, i suoi propositi e quello che ritiene di essere e rappresentare. Non c’è coerenza tra le sue parole, i suoi scritti e i fatti. Sulla carta sembra avere un progetto ma, poi, dice quello che valuta utile a ottenere più consenso e fa ciò che, attraverso accordi o patti, gli permette di gestire comunque il potere. La nota di Renzi nell’ultima edizione di “Destra e Sinistra” di N. Bobbio sembra essere il suo manifesto-programma. La lettura di “ La terza via” di Antony Giddens, l’ispiratore della politica di Tony Blair, ci aiuta a comprenderne meglio le linee di fondo e i riferimenti culturali. E’ un percorso che, condivisibile o non, rimane nell’alveo della sinistra, cui non chiede di rinunciare al proprio ruolo ma di assolverlo in modi nuovi e moderni dettati da
L’ anacronistico progetto di Renzi

L’ anacronistico progetto di Renzi

Attualità
Con il passare dei giorni, quello di Renzi si rivela sempre più un percorso di ritorno alla vecchia DC. Forse non è programmato, dato che lui anche per le scelte di governo procede per approssimazioni, facendosi guidare dai patti e dalle mediazioni, senza esporre prima un organico e chiaro disegno. Poco male, se non significasse spacciare per nuovo una cosa di altra epoca e di altro ambiente che oggi segnerebbe il regresso della nostra democrazia. Renzi scrive che il suo è un partito della sinistra a fianco dei più deboli e indifesi. L’adesione del PD ai socialisti europei è un segno di sinistra. Fino a ora, però, non ci sono atti concreti del suo governo con lo stesso segno, neppure i famosi ottanta euro da cui sono esclusi proprio i più deboli, i pensionati e quelli privi di reddito, de
I berlusconiani guardano a Renzi

I berlusconiani guardano a Renzi

Attualità
LE INCOGNITE DELLA POLITICA ITALIANA La politica italiana non cessa di sorprendere tanto gli “specialisti” più preparati ed attenti, come pure i migliori aspiranti profeti dello scenario politico nostrano. Ora che i nostri ossessionati politicanti sono “finalmente” riusciti – almeno per il momento – a liberarsene, anche se non è ancora del tutto scontato che l’eliminazione del loro principale avversario sia davvero definitiva; infatti, già altre volte il temuto rivale ha subito inattese sorprese, ma ha sempre saputo reagire, riemergendo dalle sconfitte. Certo, in questa alleanza – o possiamo parlare di connubio – ci stanno ostinatamente provando con l’attivissima partecipazione dei soliti implacabili magistrati politicamente orientati che già annunciano nuove minacce ed anche al
La vicenda Italiana senza Berlusconi al Senato

La vicenda Italiana senza Berlusconi al Senato

Attualità
E’ difficile dire che è finita la leadership di Silvio Berlusconi. E’ probabile che sia così ma non ci scommetterei. E’ difficile valutare, ad esempio, come peseranno, per la loro qualità, le altre vicende giudiziarie che lo riguardano annunciate in arrivo a ritmo incalzante. Certo, se non è venuto meno, ha perso molto valore l’alibi del governo per le mancate decisioni e che ha giustificato per anni le scelte non fatte di destra e sinistra. Sono convinto, però, che egli rimane comunque in campo, anche se con una capacità irrimediabilmente ridotta di tenere unito il centro-destra, nel quale non è cresciuta una credibile alternativa. Il problema, però, per l’Italia non è Berlusconi e il suo destino ma è quello che oggi si definisce “berlusconismo”. E’ un virus intriso di populismo, demagogi
La politica in pezzi

La politica in pezzi

Attualità
L’altro giorno facendo zapping col telecomando ho intravisto le immagini, su due canali diversi, di Bassolino e di Marrazzo intervistati da trepidanti ed entusiasti giornalisti. A volte ritornano!!! Speriamo di no!!! Ci bastano, ed avanzano, le immagini di Alfano che un giorno dichiara di avere i numeri per sostenere la sua maggioranza senza l’appoggio di Berlusconi ed il giorno successivo si affretta a fare la pace con il suo vecchio, paterno e, soprattutto: decadente leader. Guardo l’immagine di Alfano e penso che, alle prossime elezioni, come l’onesto Fini, forse, non sarà neanche eletto. Le colombe non dimenticano che in Parlamento ce le ha portate Lui e che ancora Lui tiene i cordoni della borsa ed i voti per farle rieleggere anche senza le preferenze. Ed allora fanno un passo avanti
Giù le mani da Berlusconi

Giù le mani da Berlusconi

Attualità
E dopo gli atei devoti vennero gli oppositori fedeli. Così mentre i sostenitori del Cavaliere ne urlano l’innocenza in tutte le reti televisive, gli oppositori fedeli  al premier del centrodestra hanno abilmente diffuso sui giornali l’opinione che se si concedesse una sorta di salvacondotto al senatore Silvio Berlusconi, questi si ritirerebbe dall’agone politico per concedersi, anche per ragioni anagrafiche, il meritato riposo. Non credo che le cose andrebbero come annunciano gli oppositori fedeli . Anzi sono convinto che, una volta graziato, il senatore Silvio Berlusconi si rilancerebbe con rinnovato vigore e furore nell’agone politico. Egli certamente si ricandiderebbe sia alla Presidenza del Consiglio che alla Presidenza della Repubblica. Di questo sono convinto per tre buoni motivi. P
B. …una novità lunga settant’ anni

B. …una novità lunga settant’ anni

Attualità
Silvio Berlusconi dice che tra pochi giorni farebbe rinascere ufficialmente Forza Italia come partito liberale di stampo europeo. Mi permetto di consigliare il cambio del nome perché quello di Forza Italia non era nuovo né originale già nel 1994, perché limita fortemente la libertà di tutti i cittadini italiani a utilizzare la più spontanea espressione d'incitamento verso il proprio Paese, perché nella sua prima discesa in campo come sigla di un Movimento politico si è presentata con un'immagine inquietante e per nulla liberale. Lo scrittore e giornalista Norman Lewis, all’epoca giovane ufficiale inglese dei servizi segreti al seguito dell’esercito americano, nel 1944 fu incaricato di indagare su un Movimento di nome Forza Italia che operava al Sud e in particolare nella provincia di Bene
La cultura dell’impunità

La cultura dell’impunità

Attualità
La nostra è la cultura delle belle parole, del detto e del non fatto, dei buoni propositi, delle regole che solo gli altri pare siano tenuti a seguire e del cui rispetto il soggetto moralizzatore di turno sembra essere dispensato, spesso fregiandosi di una sorta di aura di innocenza che ha il sapore dell’arroganza frammista a ignoranza, protervia e inciviltà. Il filo rosso su cui ci stiamo tenendo in equilibrio è molto fragile, già logoro, più volte rammendato (male) e ora sull’orlo della lacerazione definitiva. Il nostro Paese ha stancato, diciamolo chiaramente. È inaffidabile, talmente tanto da suscitare una sorta di irritazione e di intolleranza nei confronti di coloro che lo abitano e lo governano. Vi è una sfiducia reciproca ormai dilagante, il sospetto nei confronti dell’altro ha pre
Superare la non democrazia

Superare la non democrazia

Attualità
Ho già detto e scritto altre volte che non vivo grazie alla politica. Nutro temporanee passioni che mi spingono a ragionare sulle opportunità politiche, nell'interesse del paese in cui vivo, ancora e sempre prima di quello personale. L'esito delle ultime elezioni mi vede far parte del corpo elettorale di quella coalizione di centrosinistra che, pur avendo ottenuto alla Camera un premio di maggioranza, di stretta misura, non ha superato al Senato lo scoglio dell'infame legge elettorale, tuttora vigente per colpevole inettitudine dell'intera classe politica, di destra, di centro e di sinistra. Questa vittoria dimezzata non ha suscitato in me particolari sorprese, perchė attesa, benchė sostenitore dell'offerta politica che ritenevo meno distante dal mio modestissimo punto di vista, meno da
L’insostenibile leggerezza …. dello strappo di Fini

L’insostenibile leggerezza …. dello strappo di Fini

Attualità
Con uno scontato ma efficace gioco di parole ribadiamo la stessa domanda formulata in un articolo, pubblicato nel mese di settembre del 2009 su codesto sito: << Qual è il fine che persegue Gianfranco Fini?>>. Veramente il presidente della Camera ha deciso il proprio suicidio politico? Già, a settembre, era riuscito nel capolavoro politico di inimicarsi in un solo colpo: i leghisti, i forzisti e le gerarchie ecclesiastiche, ed, in dulcis fundo, ad essere abbandonato da molti suoi ex colonnelli. Infatti, proprio in quei giorni di settembre, in prima pagina, il Giornale, ovviamente all’insaputa del “proprietario”, e per bocca dell’istintivo e disinteressato Gasparri, titolava: << Fini sbaglia quasi tutto>>. Stessi giorni, stesso giornale, stesse pagine, in un caustico