Mese: febbraio 2012

Grazie casta! I cittadini, salvati dal default, ringraziano la tecno-casta

Grazie casta! I cittadini, salvati dal default, ringraziano la tecno-casta

SocioStoria
Era naturale che, dopo il crollo del Muro di Berlino, anche se in modo lento, progressivo ed inesorabile, si dissolvessero i partiti politici portatori di quelle ideologie con i tratti tipici della visione religiosa. Insomma ai partiti la Storia ha tolto definitivamente il compito di creare Uomini Nuovi e Paradisi in Terra. Finalmente non tocca più alle formazioni politiche il compito di salvare l’intera Umanità. Per coltivare questa illusione inutile ed impossibile bastano le promesse delle religioni. Ma a pensarci: il mondo e le anime si sono mai salvate in una Moschea, in una Sinagoga, in una Chiesa o in un qualunque altro luogo di culto? Ma torniamo alla nostra riflessione: dopo la dissoluzione del comunismo, evaporate le ideologie, è apparso inevitabile che, per logica conseguenza
Alienazione

Alienazione

SocioStoria
Il terzo millennio è, e sarà sempre più, caratterizzato da un ampio numero di innovazioni tecnologiche che accompagneranno l’uomo in tutta la sua vita. Inoltre, l’uso massiccio dei social-network elimina i confini materiali della distanza reale, creando una vicinanza virtuale; il tutto in nome del progresso, del movimento o meglio della velocità. L’uomo post-moderno si muove, e si muoverà sempre più, in una società in continuo movimento, super tecnologica e altamente velocizzata e robotizzata; vivrà dominato dal materialismo e perderà qualsiasi interesse per quella che Ernst Jünger chiamava << la questione >>. In questo mondo l’uomo ha smesso di ricercare la sua essenza? Davvero la tecnica e la società del benessere sono riuscite a dare le risposte a tutte le domande esistenzi
Tesoretti da sorvegliare

Tesoretti da sorvegliare

Attualità
“L’Espresso”, 16 febbraio 2012 Il furto (“l’appropriazione indebita”) di Luigi Lusi è solo l’estremo caso paradossale di un generale inquinamento della democrazia dovuto al perverso rapporti soldi/partiti. La maggiore causa dell’inquinamento non sta solo nella quantità abnorme di denaro che oggi affluisce ai partiti, ma anche – direi soprattutto – nel fatto che i finanziamenti arrivano ad un’unica cassa centrale controllata dal tesoriere, dal segretario e/o da un ristretto gruppo di persone costituite in oligarchie di potere finanziario che condiziona il gioco democratico. Rimpinguano la cassa centrale dei partiti grandi e piccoli il cosiddetto “rimborso elettorale”, spesso moltiplicato per due, le decine di milioni mensili versati da parlamentari e portaborse, i contributi elevatissimi
No alle olimpiadi di Roma / Un pessimo affare e un progetto scriteriato

No alle olimpiadi di Roma / Un pessimo affare e un progetto scriteriato

Attualità
(Uscirà sul prossimo numero de “L’Espresso”, ora online) Tralasciamo gli altisonanti appelli dei grandi sportivi e dei personaggi pubblici mobilitati per l’occasione, e guardiamo in faccia alla realtà delle Olimpiadi richieste per Roma 2020 che sarebbero un pessimo affare per lo Stato e un bidone per i romani. Si tratta infatti di un investimento scriteriato a fronte dei sacrifici chiesti al Paese. Londra, che ha investito oltre 30 miliardi di euro per le attuali olimpiadi, si è amaramente pentita; ed i giochi di Atene 2004 sono stati all’origine della crisi della Grecia d’oggi. Per la capitale, il rapporto tra costi e benefici dell’operazione olimpica sarebbe disastroso: lo Stato pagherebbe quel che l’Italia non può permettersi, mentre risulterebbero del tutto aleatori i vantaggi per la
Il prezzo della speranza: cercare lavoro costa ancora troppo!!!

Il prezzo della speranza: cercare lavoro costa ancora troppo!!!

Attualità
Giovani diplomati e laureati in cerca di prima occupazione hanno un gravissimo problema: il costo elevatissimo da sostenere per partecipare a concorsi e/o colloqui per assunzione. Costo ancora più odioso se si confronta con una serie di sconti e benefici di varia natura economica riservata ai deputati di vario ordine e grado ( deputati alle regioni, deputati alle camere, deputati al Parlamento europeo e consiglieri comunali!). Tutto ciò, ovviamente, a totale carico della collettività.     Procediamo con ordine. Immaginiamo che un giovane aspirante ad un lavoro – ovviamente munito di computer, stampante, carta e inchiostro e abilitato ad una forma di collegamento in internet – debba effettuare le seguenti procedure: 1.      acquistare una pubblicazione di annunci-offerte di impiego, cos