Tag: marxista

Papa Francesco e l’esaltazione della povertà!

Papa Francesco e l’esaltazione della povertà!

Dibattito
Il termine pontefice deriva dal latino, pontifex, cheletteralmente significa facitore di ponti. Esso indica tradizionalmente la funzione di collegamento tra il mondo materiale, sensibile e quello spirituale e sovrasensibile. Nella Roma delle origini il pontefice racchiudeva in sé il potere regale e quello sacerdotale mentre solo con l’avvento del cristianesimo, in Occidente, tale titolo viene conferito al capo della Chiesa cattolica, inteso come rappresentante di Dio in terra. Dalla nascita della Chiesa fino ad oggi, si sono succeduti oltre un centinaio di papi (262 per l’esattezza), i quali, ognuno in modo particolare, hanno contribuito ad espandere tra tutti i paesi il messaggio ecumenico del Vangelo. L’attuale Papa Francesco, forse più degli altri, sta usufruendo intelligentemente dei m
Hobsbawm: l’uomo del Secolo Breve

Hobsbawm: l’uomo del Secolo Breve

Autori
Eric John Ernest Hobsbawm nato ad Alessandria d'Egitto, 9 giugno 1917 , è scomparso a– Londra, 1º ottobre 2012. Ernest Hobsbawm  è stato uno dei maggiori storici del XX secolo. Studioso di formazione marxista, Hobsbawm ha dedicato molte delle proprie ricerche alla classe operaia e al proletariato internazionale. Figura di intellettuale antidogmatico, è stato il creatore di geniali definizioni storiche. diventate punto di riferimento non solo per l’elite intellettuale ma anche per il grande pubblico, quali il Secolo breve e il "Lungo XIX secolo". Il breve scritto che segue vuole essere un modesto contributo alla sua memoria. Un esploratore del XIX e del XX secolo, ecco cosa è stato Eric Hobsbawn; la sua scrittura è stata avvincente, suggestiva e sorretta da una mole enorme di riferimenti c
La Libertà – di Ludovico Geymonat

La Libertà – di Ludovico Geymonat

Dibattito
Un'interpretazione in chiave marxista (Recensione) Dopo la prolungata assenza da queste pagine, dovuta ad impegni di lavoro inderogabili, chiudo la lunga parentesi per commentare un nuovo argomento di nostro interesse: quello della Libertà; ma questa volta per recensire LA LIBERTA’ osservata dal punto di vista del frugale marxista. Sospendo, dunque, per un momento l’avida attività – a volte anche lucrativa - che un liberale “egoista” come me non disdegna, mentre tali volgari interessi venali certi marxisti apertamente li disprezzano, proprio perché le loro menti sono mosse dal disinteressato ideale egualitario; infatti, come si è sovente sostenuto, costoro non si corrompono dinanzi alle comodità che dai valori lucrativi materiali derivano: essi ambiscono a ben più nobili aspirazioni come