Tag: Mussolini

Le rotte dell’economia

Le rotte dell’economia

Letture
DIVERSI MA NON TROPPO... 3 NEW DEAL di Wolfgang Schivelbusch (Recensione) Sinistri e Destri accumunati. Per i soliti simpatizzanti degli interventi pubblici nell’economia, la nota onda riformatrice del presunto virtuoso New Deal, a suo tempo, imposta negli Stati Uniti dal presidente Franklin Delano Roosevelt, sono ancora oggi considerati un utile esempio che la politica statalista dovrebbe seguire. Il poco ortodosso personaggio, invece, con quelle sue astratte misure, più retoriche che pragmatiche, lungi dal correggere le vere cause della crisi, invece di sanare gli effetti della Grande Depressione, impressionato dalle allora controverse trasformazioni e tendenze in corso in Europa – per le quali egli aveva nutrito un entusiasmo per niente celato -, non aveva fatto altro che condi
Il fascismo che dobbiamo temere

Il fascismo che dobbiamo temere

Attualità
Grillo di galloni coperto, indirizzante l'italico mento a folle in delirio ai piedi del noto balcone di palazzo Venezia? Casaleggio in orbace alla guida di un improvvisato sabato grillino? O ancora, Di Battista padre e figlio finalmente riconciliati in un marziale saluto romano? Poco probabile, anche a voler fare a meno dell'ironia. Ma allora ha un qualche fondamento tutto questo parlare di fascismo a cinque stelle, di squadrismo di risulta etc.? Come sempre, bisogna intendersi sulle parole. Se utilizzato come sinonimo di metodo violento di intimidazione per la presa del potere, sistematica sopraffazione del diverso per imporsi alla guida dello Stato, pericolo attuale per la libertà, la democrazia e le istituzioni legittime, con ogni probabilità si è fuori misura a parlare di «fascismo». C
Letta, Renzi e il panegirico sui quarantenni

Letta, Renzi e il panegirico sui quarantenni

Attualità
In occasione della conferenza stampa, tenuta prima di Natale, il presidente Letta, in concorrenza con Matteo Renzi, ci ha inondato di retorica con il panegirico sull’avvento dei quarantenni prospettato come fatto “epocale” senza precedenti, segnale del nuovo e del cambiamento. E’ stato subito mutuato da molta parte dell’informazione specialmente radiotelevisiva che ora sempre più spesso chiama il capo del governo "il quarantenne Letta" invece che" il Presidente Letta", come se quello fosse il suo titolo distintivo. La realtà è che ciò che è avvenuto non è per niente una grande, rivoluzionaria e significativa novità. Il più giovane Presidente del Consiglio della storia d’Italia è stato Mussolini nel 1922 a trentanove anni. Nell’era repubblicana il più giovane è stato Goria nel 1987 a quara
L’ organicismo di Destra

L’ organicismo di Destra

Dottrine
Come abbiamo già detto, il termine socialismo può essere usato, per indicare anche teorie politiche poste, apparentemente, l’una distante dall’altra, come ad esempio il socialismo marxista e il nazionalsocialismo tedesco. Al riguardo va subito detto che il nazismo fu un movimento rivoluzionario nel senso più forte del termine, tanto che Theodor Heuss (13 gennaio 1884-12 dicembre 1963) scrive «se si cerca un denominatore comune della mentalità dei gruppi sociali o degli individui che aderiscono al partito di Hitler, si può dire che questi sono associati da una mentalità aniticapitalistica»[1]. In effetti, l’anticapitalismo degli attivisti del Nsdap è così radicale che i famosi Venticinque Punti prevedono l’«eliminazione dei guadagni senza lavoro e senza fatica», la «riforma fondiaria (…) e
Populismo: alba e tramonto ed il suo eterno ritorno

Populismo: alba e tramonto ed il suo eterno ritorno

Attualità
Per alcuni la storia si ripete; in tal caso dovrebbero poter prevedere gli eventi; noi liberali crediamo che in questa esistenza niente si ripete e, pertanto, sosteniamo che non è possibile profetizzare l’incerto avvenire. Quale sarà l’evoluzione politica del nostro Paese? Mah, l’unica cosa che possiamo affermare è che ci troviamo su di una strada complicata e poco illuminata; già, ci mancando i lumi. Fatta questa premessa, cosa possiamo dire dell’esito delle ultime elezioni? Che la storia si ripete? Certamente, no. Eppure, bisogna riconoscere che nel corso della storia anche meno remota, sono stati frequenti gli avvenimenti che, in un certo senso, sembrerebbero ripetizioni di tappe precedenti. Attualmente, per esempio, ci si meraviglia del successo che Grillo ha ottenuto durante le ult
Dante Marpillero: l’ amico sconosciuto del giovane Mussolini

Dante Marpillero: l’ amico sconosciuto del giovane Mussolini

Letture
A proposito dell'interessante libro di Ulderico Munzi sul periodo in cui il futuro Duce insegnava alle elementari di Tolmezzo - località di nascita di mio padre - credo di poter aggiungere un modesto contributo, riportando un episodio piuttosto sconosciuto dal pubblico che in fondo ha condizionato e cambiato la rotta della nostra storia. Infatti, nel 1906 Mussolini aveva stretto una solida amicizia con l'avvocato Dante Marpillero, zio di mio padre. Da lui stesso mio padre aveva appreso che un sabato, non vedendo Mussolini arrivare all'abituale appuntamento, suo zio si era recato alla locanda dove alloggiava l'amico di Predazzo ed entrando nella sua stanza lo aveva trovato totalmente abbattuto con la pistola carica pronta ad essere utilizzata e sul tavolo un foglietto con il suo messaggio d