Tag: USA

Guerre di religioni: il nuovo scisma d’Oriente

Guerre di religioni: il nuovo scisma d’Oriente

Attualità
Quella che ormai è giunta al termine è stata un’estate caldissima, non tanto dal punto di vista climatico, quanto piuttosto da quello della situazione internazionale. Se da una parte abbiamo un’Europa in crisi economica e politica, dall’altra parte abbiamo un Medio Oriente che ancora è teatro di atrocità e di efferatezze, da Israele alla Libia, dalla Siria all’Iraq. E non bisogna dimenticare l’Ucraina, che a seguito delle dimissioni (caduta) di Viktor Fedorovyč Janukovyč, è in preda a una guerra civile tra ucraini nazionalisti e ucraini filorussi, che non vogliono abbandonare il governo di Mosca. Sembra si sia tornati alle atmosfere della guerra fredda. Il mondo è ancora diviso tra Oriente e Occidente! Dopo la Seconda Guerra Mondiale, Oriente e Occidente apparivano come categorie non solo
Scontro di civiltà o confronti di antagonismi epocali?

Scontro di civiltà o confronti di antagonismi epocali?

Attualità
Il controverso paradigma del cosiddetto Scontro di Civiltà ipotizzato allo scadere del secolo scorso dal noto saggio di Samuel Huntigton, sembra emulare un po’ il concetto di un’altra opera di similare ispirazione -Tramonto dell’Occidente- teorizzato da Spengler ed introdotto in Italia dall’autore nostrano Evola tuttora noto per le sue inclinazioni razziste, su tesi che saranno opportunamente prese in prestito dai reazionari nostalgici della romanità con le quali pretendevano attribuirsi l’eredità del glorioso passato storico, che l’italica stirpe, legittima depositaria, doveva rivivere con tanto di sfarzo architettonico imperiale e saluto romano del “virtuoso” regime fascista. Quel periodo è tramontato ed i deleteri risultati che, purtroppo, ne sono derivati li conosciamo abbastanza be
In difesa di Berlusconi

In difesa di Berlusconi

Attualità
Ancora una volta la Liberazione dell’ Italia avverrà grazie all’aiuto degli alleati americani! C’è poco da ridere: resta il fatto che siamo un paese a sovranità limitata. Le delegittimazioni dei nostri discutibili leaders di governo vengono, di fatto, decise oltre Atlantico con qualche anno di anticipo e poi scuotono il nostro dibattito politico secondo un copione prestabilito nel suo esito finale. L’ultimo “complotto” appare in tutta la sua evidenza dalle recenti rivelazioni di WikiLeaks: già nel 2009, i suoi collaboratori più fidati descrivevano Berlusconi, in segreto, ai funzionari dell’ambasciata americana come “ debole fisicamente e politicamente”. Domando: << Lo descrivevano come egli effettivamente era o come gli americani desideravano che diventasse?>>. Agli alleati