Considerazioni asintomatiche

0
283

Siamo in una fase storica complessa e decisiva. Trump forse vince le elezioni, ma in ogni caso pure se le perderà è come se le avesse vinte. La pancia del paese è “fascista” (in senso lato) ed è con lui: contro “altro”, contro il “diverso”, contro i “neri”, i reietti, gli ispanici, le élite, la “ politica”, contro la molle democrazia e in opposizione ai parolai parlamenti. E poi c’è la pandemia che fa da volano alla virale azione di chiusura delle frontiere e non solo!

E “puntualmente” colpisce la “molle” e atonica Europa anche il terrorismo islamico, la cui scelta di “attaccare” proprio adesso un paese europeo desta i soliti sospetti!  Sia chiaro non per gli obiettivi, ma, molto semplicemente, per la tempistica perfetta! Insomma: il modello liberal-democratico fa fatica a tenere il passo.

Si restringono gli spazi di libertà per il terrorismo, si circoscrivono i movimenti delle persone a causa  del virus e come se non bastasse, in economia tutti invocano lo stato benefattore che, con i suoi salvifici ed emergenziali tentacoli, altera il “ libero” (libero?) gioco catallattico della domanda e dell’offerta!

Insomma: lo stato “ leviatano” di cui se ne cantava la fine è prepotentemente risorto! E’ mai morto? Mala tempora currunt….

Georges Jacques Danton

Leggi anche:  Un voto per tante paure

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.